RIS-PACS pronto....

In previsione dell’evento eccezionale “Matera 2019” l’ASM ha messo in piedi una serie di interventi per fronteggiare tale evento; tra quelli già previsti, la visualizzazione delle proprie immagini diagnostiche, radiologiche, endoscopiche e qualunque altro referto iconografico DICOM attraverso ogni tipo di device: PC, Tablet e Smartphone con Sistema Operativo Windows, Android e IOS tramite un’interfaccia Web semplice e intuitiva.

L’interfaccia Web Responsive si adatta alla piattaforma utilizzata permettendo la corretta visualizzazione di immagini e documenti anche su Smartphone e Tablet.

In ambito sanitario, l’applicazione necessitando solo di un browser web, rende possibile la strutturazione di processi di distribuzione delle immagini, all’interno di aree territoriali comunque strutturate e con attori diversificati…sino al paziente.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

L’applicazione è in grado di integrare in tutta sicurezza e nel rispetto delle Normative vigenti in materia di privacy, le immagini diagnostiche, radiologiche, endoscopiche e qualunque altro referto iconografico DICOM prodotto nelle attività cliniche, realizzando un servizio per il cittadino che non è obbligato ad andare a ritirare il risultato dell’esame. Nel caso dei numerosi turisti che frequenteranno Matera e che potranno necessitare di tale servizio, nonché per gli assistiti stessi della stessa Provincia di Matera è un servizio sicuramente valido ed efficiente. A dimostrazione di quanto innanzi detto, sono incoraggianti i risultati ottenuti con il servizio analogo: Referti on-Line

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?