SAFE

SAFE è una WSN per il monitoraggio da remoto dello stato di salute strutturale di infrastrutture quali edifici e beni di pubblico interesse.

Il mantenimento in sicurezza di costruzioni e infrastrutture rappresenta una problematica di sempre maggiore rilevanza.

SAFE rappresenta una Wireless Sensor Network per il monitoraggio ed il controllo da remoto dello stato di salute strutturale di edifici e beni di interesse storico, artistico ed archeologico. Esso si rivolge a tutti quegli utenti (enti, imprese e professionisti) interessati a effettuare, anche per periodi limitati, la sorveglianza e la manutenzione nel tempo di strutture di varia tipologia mediante accurate analisi ed elaborazione dei dati acquisiti automaticamente dal sistema.

Il cuore della soluzione consiste in una rete wireless di nodi che acquisiscono segnali provenienti da diversi sensori (accelerometri, fessurimetri e sensori di temperatura e umidità) distribuiti nella struttura da monitorare e georeferenziati. Ciascun nodo wireless della rete mesh ha un raggio di copertura fino a 3 km. La rete è completamente auto-configurante e fa uso del protocollo di comunicazione TCP/IPv6: ciò permette a ciascun nodo della rete di avere un indirizzo univoco e di essere direttamente connesso ad internet.

Tutti i dati saranno accessibili da remoto tramite interfaccia web dedicata. SAFE aumenta la sicurezza, riduce l'incertezza e le spese di manutenzione permettendo il controllo dei dati da remoto tramite un servizio web dedicato.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?