ScacciaRischi

Le olimpiadi della prevenzione

ScacciaRischi è un Educational Videogame che mira a promuovere la cultura della salute e della sicurezza e, in particolare, a riconoscere, evitare e prevenire i rischi per la salute presenti a casa, a scuola e nei luoghi di lavoro. Rientra nell’ambito del progetto «Gli ScacciaRischi: le olimpiadi della prevenzione», promosso dall’Inail Dr Puglia e Regione Puglia, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale Puglia. Attraverso l’app, disponibile su Google Play, APP Store e sul sito www.scacciarischi.it, è possibile: Giocare dieci avvincenti livelli di un videogame platform-cartoon ambientati a casa, a scuola e nei luoghi di lavoro; Visualizzare la SECUR-PEDIA, il percorso formativo con contenuti relativi ai rischi, ed alle misure di protezione e prevenzione, presenti in ambito domestico, scolastico e lavorativo; Rispondere ai SECUR-QUIZ, con domande formulate sui contenuti della SECUR-PEDIA e punteggi attribuiti in base alla correttezza ed ai tempi della risposta.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

“ScacciaRischi” è uno strumento di edutainment finalizzato alla promozione della cultura della salute e della sicurezza nei confronti delle nuove generazioni. Esso consente, attraverso lo strumento ludico, di scoprire e conoscere i rischi ed i pericoli presenti negli ambienti più familiari (casa, scuola e luogo di lavoro) per prevenirli ed evitare, così, che possano trasformarsi in danni per la salute. “ScacciaRischi” è rivolta in primo luogo agli studenti di ogni ordine e grado della regione Puglia che, attraverso l’app, possono allenarsi ed esercitarsi sui diversi livelli del gioco e sui Secur-Quiz e partecipare al concorso: “Le olimpiadi della prevenzione".

Statistiche

Numero di soluzioni 1324
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?