Scuola a Distanza: una soluzione per l'apprendimento permanente nelle aree marginali

I principali problemi delle Scuole di montagna sono quelli di superare l’isolamento dovuto in gran parte alla dislocazione territoriale e di mantenere vive le “piccole realtà scolastiche”. Per questi motivi il Comune di Sassello ha sostenuto un percorso sperimentale dell’Istituto Comprensivo di Sassello, utilizzando la Banda larga, la rete e le nuove tecnologie. La soluzione ha previsto: lo scambio di esperienze e lezioni in rete tra le classi remote di studenti residenti sul territorio del Comprensorio Sassellese e le classi effettive di Istituti Superiori di Savona cui gli stessi studenti sono iscritti; lo sviluppo di laboratori a distanza tra le “piccole realtà scolastiche” di Sassello (SV) e di Favignana (TP) con scambio di dati “meteo” in tempo reale. Il Comune e la Scuola hanno sfruttato situazioni di marginalità per produrre qualità, rivitalizzando le comunità di cui le scuole sono l’unico presidio culturale.

Obiettivi e destinatari: 
Il Progetto si propone di : promuovere il successo formativo di studenti che vivono in territori marginali e per i quali la scuola costituisce, spesso, l’unica possibilità formativa e di crescita; favorire la collaborazione a distanza tra le scuole con l’utilizzo mirato delle tecnologie. Destinatari del Progetto sono: gli studenti del territorio sassellese che frequentano gli Istituti Superiori; gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Sassello che, attraverso la rete, sperimentano percorsi di meteorologia applicata con altre sedi scolastiche appartenenti a territori marginali.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?