Setting di cure intermedie: introduzione di un modello organizzativo innovativo e gestionale nell’ASLTO3

L’attuale scenario impone una necessaria rimodulazione del regime assistenziale di ricovero nell’ottica di ottimizzare i costi e le risorse. Nonostante le azioni intraprese, tra cui si annovera la creazione di posti letto a valenza territoriale per la continuità delle cure, l’analisi di tali processi non ha evidenziato i benefici sperati in termini economici e di esito clinico. L’obiettivo consiste nell’elaborazione di un modello innovativo (basata sui principi di domiciliarità, modularità assistenziale e gestione mista) per la gestione del paziente in dimissione ospedaliera basato sui principi di: centralità del domicilio come setting privilegiato per la gestione del paziente; modularità della risposta clinico-assistenziale secondo i reali bisogni di salute del paziente, valutati secondo scale riconosciute dalla letteratura scientifica; creazione di un modello gestionale a valenza mista (Azienda pubblica – Cooperativa terzo settore).

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Il progetto, caratterizzato dall’essere unico nel suo genere e con caratteri di innovazione rispetto all’attuale scenario organizzativo delle cure intermedie, è applicabile ed adattabile in tutti i contesti di Aziende Sanitarie Locali caratterizzate dalla presenza di strutture a valenza ospedaliera, deputate alla gestione della acuzie e di strutture a valenza territoriale finalizzate alla gestione cronica del paziente a domicilio.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?