Smart- Dom

Il made in Italy per il risparmio energetico in ogni ambito, installabile in ogni edificio. Semplice, confortevole, aperto, accessibile

Smart-Dom è un apparecchio elettronico made in Italy che si installa all’interno del quadro elettrico generale di un edificio, nuovo o di vecchia costruzione, con dimensioni contenute (massimo 6 moduli DIN) e consente di monitorare l’energia elettrica consumata dagli utilizzatori, dagli elettrodomestici ed eventualmente quella prodotta da fonti rinnovabili. E' il primo dispositivo domotico in grado di affrontare il risparmio energetico in tutti gli ambiti contemporaneamente: elettricità, riscaldamento, illuminazione e fonti rinnovabili, ed efficienta ogni forma di produzione e consumo energia dell'edificio. Ha una connessione di rete (fissa , senza fili, o ad onde convogliate), sfruttabile con internet per configurare le funzioni attraverso il browser di PC/tablet/App mobile.

Con App Mobile, da remoto l'utente può regolare o spegnere/accendere i carichi impostati . L’utilizzatore finale potrà monitorare/salvare gratuitamente su piattaforma Cloud Big Data tutti i suoi consumi, analizzando produzione di energia da fonti rinnovabili e dati climatici per poi regolare sulla base di queste informazioni ,sulle abitudini dell'utente, in funzione delle previsioni meteo o informazioni acquisite da interne(e sui dati del sensore di luminosità- temperatura- umidità) lampade LED, riscaldamento, acqua sanitaria, accensione di apparecchi, elettrodomestici o comunicare con la pompa di calore, ricevendo alert o suggerimenti automatici su ogni aspetto dei suoi impianti. Il software del dispositivo (sviluppato e depositato da Smart Domotics), è basato su algoritmi innovativi che consentono di svolgere calcoli complessi; ha anche una microsd interna che funge da “scatola nera”. Smart-Dom, semplice da installare e dal basso costo (può essere ripagato dal risparmio in bolletta generato dal prodotto stesso in meno di due anni), può portare comfort e risparmio energetico ad ogni utenza ( residenziale, uffici, aziende, attività come bar o hotel), consentendo ad imprese e partite IVA un miglioramento della competitivà e alle famiglie una bolletta meno pesante e un maggior spazio per i consumi. Anche la PA può avere grandi benefici; sia installando Smart-Dom nel social housing vecchio e nuovo, sia installando Smart-Dom versione Share presso scuole o suoi edifici.

La versione Share consente il confronto di tutti gli Smart-Dom installati da uno stesso utente, e con il software di analisi in cloud la uniformazione alle best practice di efficienza energetica presenti nei territori; è una versione pensata appositamente, oltre che per la PA, per le aziende che hanno vari edifici dislocati sul territorio (banche, GDO, ecc). Il dispositivo è caratterizzato da un progetto originale e proprietario della circuiteria elettronica di misura che consente il monitoraggio dell’energia prodotta o consumata con la precisione di apparecchiature più complesse e costose.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

La soluzione è in fase di trattativa con alcune amministrazioni. La Commissione tecnica interna di Centuria Agenzia per l’Innovazione della Romagna, visto il business plan, il rispetto dei requisiti previsti, degli elementi di innovatività e sostenibilità del business e le caratteristiche del team proponente, ha selezionato la start-up innovativa Smart Domotics S.r.l. ammettendola ai servizi di incubazione presso il Parco Tecnologico Torricelli. Smart Domotics ha ideato, sviluppato, produce (presso terzisti in Italia) e commercializza Smart-Dom.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?