Strategia Integrata di Sviluppo Sostenibile - La città policentrica che apprende

La città Policentrica che Apprende – learning city/region/community

Il processo di rigenerazione urbana attivato nel Territorio dell’Unione dei Comuni del Nord Salento intende soddisfare le seguenti condizioni per aspirare ad essere una città della conoscenza: 1. Promuovere l’apprendimento inclusivo, da quello di base agli studi universitari; 2. Rivitalizzare l’apprendimento nelle famiglie e nella comunità; 3. Facilitare l’apprendimento continuo e nei luoghi di lavoro; 4. Estendere l’uso delle moderne tecnologie per l’apprendimento; 5. Migliorare la qualità e l’eccellenza dell’apprendimento; 6. Coltivare la cultura dell’apprendimento per tutta la vita 7. Festeggiare l’apprendimento e migliorare l’offerta culturale. 8. Favorire l’inclusione, l’integrazione e trasmissione del sapere tra diverse generazioni.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

1° Obiettivo: Costruzione dell'Urban Welfare 2°. Obiettivo: Tutela, valorizzazione, ricostruzione di identità 3°. Obiettivo: Integrare l'offerta di beni culturali, ambientali e turistici 4°. Obiettivo: Promuovere la mobilità sostenibile, il benessere e il risanamento ambientale Destinatari del processo di rigenerazione sono tutti i cittadini. Il processo di rigenerazione territoriale aspira all’attivazione di una serie sinergica di azioni finalizzata a contrastare e diminuire la disoccupazione, la dispersione scolastica e l’illegalità attraverso la promozione dell’apprendimento permanente. Istruzione e formazione permanente significano disporre di una forza lavoro qualificata come condizione indispensabile per sbloccare la paludosa stasi economica e occupazionale in cui versa il Territorio.

Statistiche

Numero di soluzioni 1300
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?