Strategia Regionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici della Sardegna

Trasformazione dei modelli di pianificazione e programmazione verso nuove modalità che consentano di far fronte agli effetti del CC

La Strategia Regionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici (SRACC), adottata a febbraio 2019, rappresenta il documento quadro della Regione Sardegna per valutare le implicazioni del cambiamento climatico nei processi di pianificazione e programmazione.

In Sardegna, il mandato per la redazione della SRACC è arrivato in parallelo con il percorso di ricerca avviato con il progetto LIFE MASTER ADAPT, che sviluppa strumenti per il mainstreaming dell’adattamento, già disponibili per il livello locale ma ancora non sufficientemente strutturati per il livello regionale.

La SRACC identifica gli impatti climatici sulla Sardegna, individua la struttura di governance multilivello e multisettore per l’adattamento e definisce specifici indirizzi per orientare la procedura di VAS nella direzione di contribuire a formulare una proposta di piano o programma volta a ridurre rischi e vulnerabilità dovuti ai mutamenti del clima.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

La SRACC è strutturata, come modello (organizzativo, gestionale e metodologico) per il raggiungimento di obiettivi strategici e l’elaborazione di obiettivi settoriali per l’adattamento, costituendo pertanto un documento quadro per valutare le implicazioni del cambiamento climatico nei diversi settori interessati. La strategia definisce una specifica struttura di governance che coinvolge direttamente nel processo gli attori istituzionali regionali (Assessorati, Enti ed Agenzie) e gli Enti locali.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?