Super Magic Box

Una soluzione concreta contro lo spreco alimentare post-emergenza

Evitare lo spreco alimentare e supportare la distribuzione dei prodotti rimasti invenduti durante il periodo di lockdown: con questo duplice obiettivo Too Good To Go, l’app antispreco, ha lanciato nel post emergenza il progetto “Super Magic Box”, box con prodotti misti che arrivano direttamente dai magazzini dell'industria. Grazie a pick up point, ovvero esercenti commerciali già nella rete di Too Good To Go che si sono resi disponibili come punti di ritiro, attivi a Milano, Roma e Bergamo, è stato possibile dare nuova vita all'invenduto rimasto nei magazzini, riducendo inoltre al minimo contatti e problemi di sicurezza, sia per i consumatori che per gli esercenti.

La Super Magic Box poteva infatti essere pagata tramite l’app con carta, con Paypal o con i servizi Apple Pay o Google Play, riducendo il passaggio di contanti, i contatti al punto vendita e aumentando quindi la sicurezza.

Obiettivi e destinatari: 
Gli obiettivi principali di questo strumento sono: evitare lo spreco alimentare e supportare la distribuzione dei prodotti rimasti invenduti durante il periodo del lockdown. A trarne beneficio i produttori, che hanno potuto avere un piccolo ricavo dalla loro merce dopo mesi di difficoltà ed evitando i costi di smaltimento; i consumatori, che hanno potuto acquistare in tutta sicurezza tramite app dei prodotti ancora ottimi a un terzo del prezzo, andandoli a ritirare in punti vendita vicino a casa; e last but not the least, l'ambiente, evitando ulteriori emissioni e problematiche relative allo smaltimento del cibo invenduto e gettato.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1546
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?