TRUST

Il Sistema TRentino ad accesso Unico per Servizi Territoriali socio-assistenziali

Il Sistema TRUST si pone come obiettivo finale la realizzazione di una infrastruttura tecnologica a supporto di nuovi modelli di cura, favorendo l’integrazione e la personalizzazione dei servizi socio-sanitari e la cooperazione fra i diversi attori coinvolti nel processo. Diventa fondamentale avere un punto di accesso unico (P.U.A.), organizzato in base ai bisogni della persona, allo scopo di migliorare le modalità di presa in carico globale e a ridurre significativamente i passaggi amministrativi per usufruire dei servizi.

Il P.U.A. si articola su due livelli:

  1. accoglienza, informazione, orientamento: è il momento in cui il cittadino e l’operatore (sociale, sanitario, educativo) possono ricevere informazioni e orientamento in maniera qualificata, semplificando l’accesso alla rete integrata dei servizi sanitari e sociali ed inoltrando eventuali richieste ai servizi competenti;
  2. valutazione, accompagnamento, monitoraggio, che comprende sia l’attivazione di una unità di valutazione multidimensionale, composta sia da personale dell’area sanitaria che sociale ed esplora le diverse dimensioni della persona ovvero la dimensione clinica, la dimensione funzionale, la dimensione cognitiva, la situazione socio-relazionale e ambientale, sia il monitoraggio periodico del caso e valutazione degli esiti, con la definizione alla fine di un Piano Assistenziale Individualizzato (P.A.I.).

La soluzione si compone di un portale quale unico punto di accesso, che funge da punto di riferimento per pazienti ed operatori, ed una serie di moduli applicativi che offrono le funzionalità di supporto. Il sistema TRUST, attraverso il P.U.A., si rivolge alle Pubbliche Amministrazioni che operano in ambito sanitario e mira a soddisfarne le seguenti necessità:

  • rendere disponibili, in tempo reale, di informazioni rilevanti, precise, pertinenti, e certificate;
  • contrastare il disorientamento del cittadino garantendo visibilità sui processi e chiarezza sulle modalità di erogazione dei servizi; • ridurre i tempi di attesa delle pratiche amministrative e dei percorsi sanitari;
  • favorire l’accesso dei cittadini alla rete dei servizi secondo criteri di valutazione certificati e trasparenti;
  • facilitare il monitoraggio e la valutazione dei percorsi socio-assistenziali;
  • migliorare l’integrazione e l’interoperabilità dei sistemi;
  • migliorare la qualità, l’appropriatezza e la trasparenza nell’uso dei servizi territoriali.

Dal punto di vista geografico, il mercato di riferimento è rappresentato dalla Provincia Autonoma di Trento (PAT) ma, grazie alla sua natura flessibile e adattabile, il sistema TRUST può essere personalizzato ed applicato in altri contesti sanitari su tutto il territorio italiano.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

La soluzione è stata disegnata con riferimento al contesto della Provincia Autonoma di Trento (PAT), che nel 2013 ha registrato un costo sanitario pro-capite ed una spesa sociale pro-capite superiori alla media delle Regioni, dovuto all’assetto organizzativo del Servizio sanitario provinciale e all’erogazione di consistenti livelli di assistenza sanitaria aggiuntiva. La soluzione è stata presentata ai referenti della PAT ed agli stakeholder locali, tra cui l'Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, ed al Ministero della Salute. Il raggruppamento di imprese che ha disegnato la soluzione vede come capofila Be-Innova S.r.l. e comprende Dedalus S.p.A., Nomisma S.p.A. e Trilogis S.r.l.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?