UniCa per l'Etica

Parlare di etica è social

Unica per l’Etica è un percorso multidisciplinare finalizzato alla promozione di comportamenti etici attraverso la diffusione di video di sensibilizzazione pubblicati su Facebook e sostenuti dagli studenti, creatori e sponsor dei video. Riservato agli studenti dell’Università degli studi di Cagliari, il percorso era suddiviso in 3 fasi: prima fase di studio composta da 4 seminari sull’etica e 6 laboratori di filmmaking, che hanno coinvolto circa 100 studenti a riflettere su temi etici; seconda fase di creazione dei video da parte degli studenti (circa 60 studenti hanno prodotto i 34 video in gara); terza fase - il Concorso video a premi - in cui sono stati valutati i filmati degli studenti sia tramite il contest su facebook che attraverso una giuria di esperti.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Finalità: diffondere video con messaggi di natura etica al più alto numero di utenti social possibile coinvolgendo gli studenti, autori e sponsor dei video stessi. Destinatari: studenti dell'Ateneo Cagliaritano, utenti social, società civile. L’Ateneo ha portato negli schermi di circa un milione di utenti social (persone raggiunte, organic reach) la pagina facebook con i video di sensibilizzazione. Circa 270.000 utenti unici hanno visualizzato i video e 76.000 utenti hanno interagito attivamente con la pagina. La comunicazione sui social e il coinvolgimento attivo degli studenti si sono dimostrati strumenti vincenti per raggiungere ottimi livelli di sensibilizzazione e coinvolgimento della società civile.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?