UP2GO

L'app per il car pooling di comunità: stay mobile, stay UP2GO!

Nel 2013 cinque professioniste appartenenti a vari settori fondano UP2GO, una start up che nasce con l’obiettivo di trasformare il paradigma della mobilità e promuovere un cambiamento culturale. L’omonimo prodotto UP2GO è un'app per car pooling, disponbile per iOS e Android, utilizzabile anche con web app, destinata agli utenti di una stessa community. L'app UP2GO è nata come prodotto B2B, pensato per organizzare i passaggi casa-lavoro di dipendenti di aziende sopra i 100 addetti, ma utilizzabile da qualunque tipo di comunità (associazioni, comunità sportive, ecc.). Le caratteristiche principali sono facilità di utilizzo, flessibilità, sicurezza (garantita dalla registrazione tramite codice fiscale e da un sistema di feed back) e l'adozione di un sistema di ricompensa mediante acquisizione di crediti, che danno diritto a benefit definiti dalla propria comunità di riferimento. Le aziende/associazioni clienti, oltre ai benefici in termini di immagine e welfare aziendale, avranno a disposizione reportistica sui viaggi effettuati e la CO2 risparmiata.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Lo sviluppo dell'app UP2GO è nato dalla presa di coscienza di un problema (eccessivo utilizzo delle auto e inquinamento ambientale, soprattutto in ambiti urbani) e dalla ricerca di una soluzione, soprattutto nell'ambito degli spostamenti casa-lavoro. Durante lo sviluppo dell'idea sono state contattate diverse amministrazioni pubbliche, in primo luogo Comuni della propria area di riferimento, riscontrando interesse, anche se al momento non sono in essere collaborazioni operative.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?