Centro per la Protezione Civile dell’Università di Firenze

Il primo Centro universitario per la protezione civile

Il 22 marzo 2018 è stato istituito il Centro per la Protezione Civile dell'Università di Firenze (CPC-UNIFI), il primo Centro universitario per la protezione civile. CPC-UNIFI è struttura operativa del Servizio Nazionale della Protezione Civile, infatti è stato riconosciuto Centro di Competenza del Dipartimento della Protezione Civile. CPC-UNIFI promuove il miglioramento della resilienza delle comunità in linea con gli obiettivi del Sendai Framework for Disaster Risk Reduction 2015–2030 delle Nazioni Unite e dell’Agenda 2030 dell’ONU.

Fornisce supporto tecnico, conoscitivo e operativo a tutte le strutture dell’Ateneo di Firenze in materia di protezione civile, previsione e prevenzione dei rischi naturali e antropici e gestione delle emergenze. Favorisce i rapporti interdisciplinari fra le strutture di ricerca dell’Ateneo fiorentino, il Dipartimento della Protezione Civile, le componenti e le strutture operative del Servizio Nazionale della Protezione Civile.

Obiettivi e destinatari: 
Il Centro per la Protezione Civile dell'Università di Firenze ha le seguenti finalità generali: a) fornire il supporto tecnico e conoscitivo a tutte le strutture dell’Ateneo in materia di protezione civile, gestione delle emergenze, prevenzione e riduzione dei rischi naturali e antropici; b) integrare nelle attività di protezione civile le conoscenze tecnico-scientifiche e i prodotti derivanti da attività di ricerca, sviluppo e innovazione ai sensi dell’art.1 comma 1 lettera e) della L.30/2017.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1692
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?