Legalità di razza sui Nebrodi

Quel fresco profumo di libertà

Progetto di valorizzazione delle terre sottratte alla criminalità organizzata attraverso la creazione di un sistema di allevamento di asini e cavalli, il rilancio turistico e l'estrazione della risorsa legnosa.

Il progetto è stato avviato nel 2019, lanciando una campagna di crowdfunding a cui hanno aderito 281 donatori. Oggi l'allevamento conta 130 asini ragusani e 18 cavalli sanfratellani, e sono stati assunti 9 ragazzi del territorio che quotidianamente si prendono cura degli animali. A luglio 2020 sono state lanciate due linee di produzione connesse all’allevamento: una di salumi (mortadella e salame di asino) e una di cosmetici (sapone e crema al latte d’asina).

Cinque asine sono dedicate alla pet-therapy in collaborazione con l’Oasi Maria Ss. Al fine di sostenere il rilancio turistico del bosco, sono stati avviati i lavori di ristrutturazione di un antico rifugio in cui sorgerà un geo-resort (importo progetto: 2,5 mln di euro).

Obiettivi e destinatari: 
Obietti: • Valorizzare le terre nel Parco dei Nebrodi sottratte alla mafia; • Restituire la risorsa bosco alla comunità locale; • Innescare un processo virtuoso di sviluppo ecosostenibile nel territorio; • Creare occupazione per i giovani; • Tutelare la biodiversità del bosco; • Favorire lo sviluppo turistico etico e sostenibile. Destinatari: • Comunità locale; • Giovani del territorio; • Persone con difficoltà psicosociali; • Turisti.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1692
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?