SchoolSwap

Un PC sostenibile per studiare e lavorare

Per agevolare la didattica a distanza durante il passato periodo di lockdown, l’associazione LugBZ ha promosso un’iniziativa di sostegno a studenti e famiglie che ha riscosso un notevole successo: abbiamo raccolto PC usati da privati, imprese ed enti pubblici. Li abbiamo aggiornati con il sistema Debian GNU/Linux “FUSS” e programmi open source usati nelle aule.

Il progetto vuole far comprendere le potenzialità del software libero e dell’open source nell’ambito sociale e pubblico mettendo in grado la comunità di usufruire di servizi senza costi ulteriori legati a licenze o brevetti.

Creare buone pratiche dove l’impiego di software libero permetta di diminuire il “digital divide” delle persone anziane o di categorie svantaggiate come famiglie in difficoltà o dei migranti. Da Febbraio 2020 siamo riusciti a consegnare oltre 300 computer a famiglie e studentesse/studenti che ne hanno fatto richiesta, corredati dai software didattici per la scuola e la didattica digitale integrata (DDI).

Obiettivi e destinatari: 
Studentesse, studenti o famiglie, frequentanti sia le scuole in lingua italiana che in lingua tedesca, che hanno avuto / hanno bisogno di un computer per studiare o lavorare e che non possono permettersi l’acquisto di un nuovo apparecchio; Persone, ditte o enti pubblici che vogliono donare pc/notebook, perché condividono gli obiettivi di sostenibilità digitale ed economia circolare del progetto.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1692
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?