CIE & DIGITALIZZAZIONE: UN PUNTO DI INCONTRO

Adozione della CIE nei processi di identity e di firma FEA all'interno dei processi amministrativi e di cura della Fondazione Don Gnocchi

La Carta di Identità Elettronica (CIE) può essere utilizzata sia come dispositivo di firma elettronica avanzata FEA (firma con CIE) e come strumento di gestione delle Identità (entro con CIE). Il mercato dell’IT privato/pubblico non ha adottato diffusamente CIE e la possibilità di accesso ai servizi gateway ed ai Kit di sviluppo del Poligrafico e Zecca dello stato. Tali kit sono liberamente utilizzabili per creare app e desktop api che utilizzino i servizi CIE anche sul fronte delle App mobile.
Nel medio termine, grazie base normativa UE n.910/2014 eIDAS e CAD la Fondazione Don Gnocchi prevede una rapida adozione della FEA tramite CIE sul fronte documentale. Ciò significa utilizzare dove possibile FEA, utilizzando FEQ solo ove è esplicitamente richiesto dalla normativa (cartelle cliniche, refertazione diagnostica). La piattaforma è basata su CIE e su Office365 con MFA.

Obiettivi e destinatari: 
La piattaforma è un servizio di base che tramite una modalità “desktop” e “mobile” permette di utilizzare la piattaforma “Io firmo con CIE” integrata con la piattaforma Microsoft Office365 onedrive che gestire i documenti firmati con accesso in SSO e ed utilizzo di MFA (multi factor autentication) da parte del firmatario, a norma eIDAS. Sui fronti amministrativo e della cura rispettivamente, i destinatari sono gli operatori, i caregiver ed i pazienti sul fronte del percorso del paziente. L'utilizzo in prospettiva è specificatamente favorevole agli ambiti di Telemedicina e ADI.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1838
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva I-Tel Srl

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?